Seminario

Una nuova idea di lavoro. Incontro in occasione della presentazione dei libri “Libertà nel lavoro. La sfida della rivoluzione digitale” di Giovanni Mari e “Il lavoro. Da diritto a bene” di Camilla Buzzacchi

Da definire per data e luogo

Obiettivo del seminario, partendo dalla presentazione dei due libri, è proporre una nuova idea non più basata sulla contrapposizione tra lavoro manuale e lavoro intellettuale e riflettere su una nuova natura del lavoro, un nuovo modo di lavorare e un differente nesso fra tempo di lavoro e tempo dell'«ozio». Un lavoro di qualità, in grado di essere scelto, non un lavoro qualsiasi in nome del «diritto al lavoro», che può diventare forma e strumento di libertà, laddove maggiori siano la conoscenza, la creatività e la responsabilità in esso intrecciate, nei luoghi di lavoro e nella società.

Il lavoro inoltre costituisce una condizione di equilibrato sviluppo della democrazia e, al contempo, un diritto fondamentale, fonte di dignità per la persona. Il paradigma della flessicurezza ha però trasformato il concetto di lavoro, che ha assunto i connotati di un bene, addirittura di una proprietà. Obiettivo è quindi riflettere anche su questi temi proprio a partire dalla divaricazione tra l'impianto della Carta costituzionale e il panorama del diritto del lavoro ispirato a questa ‘flessibilità' che, se mal coniugata con la sicurezza, rischia di compromettere il bene della dignità delle persone lavoratrici.

PROGRAMMA:

ore 16.00-19.00

Introduzione

Fulvio Cortese, Preside Facoltà di Giurisprudenza, Università degli Studi di Trento
Paola Borz, Direttrice generale tsm-Trentino School of Management

Relazioni

Donata Gottardi, Professoressa ordinaria di Diritto del lavoro, Università degli Studi di Verona
Franco Fraccaroli, Professore ordinario di Psicologia del lavoro e delle organizzazioni, Università degli Studi di Trento

Dibattito

Replicano gli autori

Giovanni Mari, Filosofo del lavoro, Università di Firenze
Camilla Buzzacchi, Professoressa ordinaria di Diritto pubblico, Università degli Studi di Milano Bicocca

Conclude

Riccardo Salomone, Professore ordinario di Diritto del lavoro, Università degli Studi di Trento e Presidente Agenzia del lavoro, Provincia autonoma di Trento